Cresciuto in oratorio

Postiamo il video realizzato dal nostro oratorio per il concorso “Cresciuto in oratorio”.
Grazie a chi si è prestato con tanta passione a questo progetto!


Ieri, oggi e domani. L’oratorio ha storia, ha presente e soprattutto ha futuro, nelle immagini d’epoca e attuali dell’oratorio di Seriate.


Vedi i contributi degli altri oratori


Shomèr ma mi-llailah

veglianatale2016-3

“Mi sono imbattuto un po’ di tempo fa in un profeta che ha una pagina di un’umanità incredibile. Non si capisce bene dove si svolga la vicenda, chi siano i personaggi. C’è una sentinella da qualche parte.  Arriva un passante, o un viandante o un pellegrino e chiede “Sentinella quanto della notte, quanto resta della notte?” La notte sta per finire ma il giorno non è ancora arrivato, comunque tornate, domandate, insistete. Questa situazione che la notte sta per finire ma non è finita, il giorno sta per arrivare ma non è arrivato, questo crepuscolo mattutino, questa incertezza e la sentinella che non sa come rispondere ma dice: torna, domanda, insisti.
Come la condizione dell’uomo che fa sempre delle domande alle quali non avrà mai risposta ma l’importante è tornare, domandare, insistere, chiedere infinitamente anche se sapere non si potrà mai sapere ma chiedere è importantissimo.
In ebraico “Sentinella quanto di notte” si dice “Shomèr ma mi-llailah”

Francesco Guccini

Continua a leggere

Un’emozione unica:
l’incontro con Papa Francesco

Il racconto per immagini del pellegrinaggio a Roma delle famiglie dei ragazzi della prima confessione e comunione.

Le parole non servono…

 

Orme di umanità,
in giro per la città

E fu così che sabato sera dalle 18 alle 19 la città di Seriate si è colorata di orme dipinte dagli adolescenti delle classi di catechesi. E’ stato bello lasciare tracce nella città, è stato bello vedere la gente sorridere, è stato bello suscitare interesse, è stato bello sentirsi porre domande. Perché??? E’ Avvento! E siamo in cammino verso il Natale!

Ci piaceva ripetere anche all’esterno il percorso simbolico messo nelle chiese perché la fede si celebra nel quotidiano, perché questo Dio che ha continuamente da nascere si è fatto uomo per aiutarci a vivere la nostra umanità che si realizza nella relazione. Continua a leggere