Lavori al via per le nostre campane

Carissimi, come già sapete, la cella campanaria e le campane della chiesa parrocchiale sono gravemente lesionate e siamo vicinissimi al collasso, tanto che fin dallo scorso anno vengono suonate solo tre delle otto campane.

Per questo qualcuno ha l’impressione che suonino sempre “da morto”. Dopo una lunga riflessione, e la valutazione di diversi progetti, abbiamo deciso di incaricare dei lavori la Ditta specializzata Fratelli Pagani, di Castelli Calepio, che inizierà i lavori tra pochi giorni, provvedendo:

  • alla sostituzione dell’intera cella campanaria
  • alla fusione di una nuova campana che sostituirà quella crepata
  • al ruotamento protettivo dei batacchi delle altre campane.

Tutto questo verrà fatto nel laboratorio della ditta Pagani, ma intanto si provvederà anche a consolidare, con pochi lavori murari, il piano di appoggio del castello.

Ciò comporterà evidentemente dei tempi lunghi, nei quali rimarremo “in silenzio”, come nella settimana santa. Inoltre, almeno alcuni giorni, avremo qualche disagio per l’utilizzo di una potente autogru, come viene descritto nello specchietto sottostante, nel quale trovate già anche la data della benedizione delle campane.

E per il pagamento dei circa 100.000 euro necessari? Ci affideremo alla vostra generosità della quale finora ho avuto qualche accenno contenuto, ma che mi descrivono proverbiale.

Si potrà contribuire sia attraverso offerte ordinarie o straordinarie, oppure
con erogazioni liberali, parzialmente detraibili dalla dichiarazione dei redditi,
o anche attraverso qualche prestito, che la parrocchia rimborserà
gradualmente, nel corso di alcuni anni. Per informazioni su queste ultime due
possibilità potete chiedere ai sacerdoti ma soprattutto rivolgervi in
segreteria parrocchiale.

Confido in voi carissimi per far risuonare nuovamente, proprio attraverso le campane, la gioia dei nostri incontri e della preghiera di tutta la comunità.

Grazie fin d’ora di cuore.

Questo articolo è stato pubblicato in PASTORALE da Mario Carminati . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *