Nato mille volte

“Ah, se potessi rinascere…”  è quanto esclamiamo molte volte per pensare e sognare qualcosa di nuovo e diverso nella vita.
Il papà era nato la prima volta a Trafficanti, giusto il tempo per fissare il compleanno e un’origine, cui il nonno teneva molto.
Era nato una seconda volta a Moio e un’altra a Valnegra a dodici anni.
Quella volta aveva una gamba più piccola e da allora aveva una stampella e un bastone.
Nasceva ogni volta che c’era un nuovo traguardo, una nuova passione.
Nasceva in mezzo agli amici, diventava uno di loro.
Era nato in Africa, sul monte Kenia, in Perù sull’Huascaran, all’osteria (come diceva lui) per giocare a scopa e a cotecc, oppure con le bocce in mano.
Era nato sui monti, al tabiot per gli uccelli e con la carabina a caccia di camosci e caprioli, con la canna da pesca, ma anche con la giacca, la cravatta e la camicia rosa con il diploma di cavaliere.
Era nato in mezzo alle autorità, trascinando tutti ad essere amici e consegnava con tanto orgoglio l’Inno alla Vita.
Era nato Rasa nei nostri paesi, ma anche in Romania e in Bulgaria; fra gli alpini e in mezzo ai bambini delle scuole.
Era nato marito e papà, e quella volta non è mai morto.
Si dice che chi non è contento della propria vita è perché non ha guardato abbastanza in alto.
Il papà andava in cima alle montagne per guardare più in alto e nascere tante volte.
Ma si chiamava sempre Egidio.

25 dicembre 1998

 

Così è iniziata la serata ieri sera al Teatro Aurora. Parole scritte per la morte di un uomo che nella vita ha continuato a nascere, regalando senso al quotidiano scorrere dei giorni, pur nella difficoltà causata dalla sua situazione fisica.
Monica e Gian Battista sul palco a narrare la storia di Egidio, il loro papà, l’ALPINISTA CON LE STAMPELLE, alternati dal filmato “Con Sincera amicizia” che ne racconta l’esperienza del 1977 come componente della spedizione al Kenia, 5.200 metri, seconda vetta più alta del continente africano.
In sala gli adolescenti e alcuni genitori in un commovente silenzio, rotto solo da scroscianti applausi di condivisione.
Non è cosa facile suscitare il silenzio degli ADO per un’ora, eppure…
Monica e Gian Battista con il loro papà, l’Egidio Gherardi, hanno creato l’atmosfera giusta per il silenzio che parla…
E così Egidio è nato un’altra volta a Seriate perché venire alla luce non significa solo nascere ma rinascere e far rinascere.
Nel cuore di ogni esistenza preme una umanità che chiede solo di venire alla luce. Ieri sera, nel silenzio, la vita. Come un “rinascere dall’alto”…

Grazie Egidio! Grazie Monica! Grazie Gian Battista!

VEDI LE FOTO DELLA SERATA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *