Consiglio Pastorale dell’11.11.2011

Verbale di
Martedì 11 Novembre 2011

Centro Pastorale Giovanni XXIII


Dopo aver sostato e pregato davanti all’Eucarestia, alle ore 21.05 s’è dato il via al primo incontro del nuovo CPaP.


Membri assenti: don Stefano Manfredi, Giuseppe Pasquinelli, Leandro Pirovano e Maria Rizzi.


Don Gino dà il benvenuto ai nuovi membri del CPaP (circa la metà) e ai due nuovi sacerdoti, e ringrazia tutti per aver accettato questo compito. Ricorda in breve la natura del CPaP:
– contribuisce a manifestare a livello locale la Chiesa Universale. E’ un contributo a costruire la cattolicità della Chiesa.
– valorizza il ruolo dei laici che sono Chiesa in virtù del Battesimo al pari degli ordinati e consacrati; non solo semplicemente i collaboratori dei preti, ma sono corresponsabili della Chiesa: è un loro diritto e dovere essere membri del CPaP.
– evidenzia tre caratteristiche della Chiesa: è comunione, è corresponsabilità, è collaborazione.
– è dono dello Spirito Santo; la Carità è la forza che unisce i suoi membri.

Ogni membro si presenta al resto del CPaP, evidenziando le proprie esperienze in Parrocchia.

 

Don Gino nomina i membri della Segreteria del CPaP che lo affiancheranno nel lavoro di preparazione delle sedute:

Segretario: Matteo Vitali
Rappresentante Sacerdoti: don Marco Giudici
Rappresentante Vita Consacrata: Giovanna Sottocornola
Rappresentante Zona Comonte: Angelo Paganessi
Rappresentante Zona Luce: Mariella Manenti
Rappresentante Zona Risveglio: Riccarda Granata
Rappresentante Zona San Giuseppe: Luigi Chiodini
Rappresentante Zona Serena: Fausto Duca

Viene poi letto l’articolo 6.b dello statuto del CPaP per comunicare i ruoli della Segreteria.


Don Gino illustra il metodo di lavoro per Commissioni: un modo per fotografare la situazione parrocchiale in diversi ambiti, vedere “cosa c’è” e “cosa manca”. Il punto di partenza di ogni Commissione è analizzare la situazione attuale, per poi confrontarla con la Parola di Dio e il pensiero del Magistero e produrre indicazioni pratiche da portare al CPaP.
Le Commissioni lavoreranno per tutto l’anno in modo autonomo secondo un calendario definito dai componenti, tenendo i contatti con la Segreteria del CPaP; a fine anno ci sarà una giornata di lavoro in cui ogni Commissione relazionerà sul lavoro fatto e porterà le proprie proposte. Se durante il lavoro delle Commissioni sorgessero delle questioni urgenti e fosse necessario un confronto con il CPaP, tramite la segreteria, l’argomento verrà messo nell’Ordine del Giorno.
Le Commissioni proposte sono otto: Iniziazione Cristiana; Socio Politica; Educare Oggi; Comunicazione; Liturgia; Parrocchia e Zone; Carità e Caritas; Feste Parrocchiali.

Viene aperto un momento di confronto sulle Commissioni:

Alberto Pinetti chiede quale Commissione si prenderà cura di preparare l’incontro mondiale delle famiglie con il Papa.

Evelino Rossoni risponde che la Commissione Famigliare Vicariale si sta muovendo in proposito, e saranno gli operatori famigliari della Parrocchia che penseranno le modalità con cui prepararsi all’incontro.

Marco Zucchelli informa che se ci fosse necessità di ospitare le famiglie provenienti da tutto il mondo a Seriate, visto anche il vicino aeroporto, sarà comunicato dalle diocesi di Milano. Evidenzia la necessità di preparare bene questo evento, come chiesto dal Programma Pastorale della Diocesi.
Riguardo al metodo di lavoro per Commissioni suggerisce di fissare dei tempi, eleggere un coordinatore per gruppo e una vicinanza stretta fra Commissioni e Segreteria del CPaP per monitorare l’equilibrio numerico e la pertinenza dei contenuti.

Gianantonio Farinotti rispetto al merito sottolinea il rilievo della Commissione “Parrocchia e Zone”,  che necessiterebbe , vista l’importanza del tema trattato, della presenza del Parroco; ritiene inoltre opportuno focalizzare la specificità dell’oggetto di lavoro delle commissioni “Socio  Politica” ed “Educare Oggi”, che si presenta in entrambi i casi forse un po’ troppo ampio.
In ordine al metodo di lavoro fa notare come questo abbia affinità con i contenuti delle relazioni sul CPaP proposte al nuovo consiglio come “lettura estiva”; ciò si traduce nel fatto che il metodo scelto è uno strumento  che aiuta a far camminare il CPaP, consente di attuare  la funzione del ‘consigliare’ tipica del CPaP  e permette di fare l’analisi prima di definire progetti e programmi.

Marzio Pallini mette in rilievo come la Parrocchia non sia disincarnata, ma faccia parte del Mondo, della Storia. E’ importante il lavoro delle Commissioni perché permettono di portare il “secolo” nel CPaP, di tenere le orecchie aperte sul Mondo: lì dobbiamo raccogliere e lì dobbiamo seminare.

Gianantonio Farinotti chiede come le Commissioni si confronteranno con la Parola di Dio e il magistero: in modo autonomo, con incontri di formazione per tutto il CPaP, incontri per tutta la Comunità,…

Don Gino risponde che ogni Commissione deve inizialmente trovare gli strumenti per formarsi al suo interno; saranno le Commissioni stesse che con il loro operato formeranno sul proprio ambito il resto del CPaP e della Comunità.

Terminato il confronto, si procede alla divisione dei membri all’interno della Commissioni.

 

Iniziazione Cristiana

Socio Politica

Educare Oggi

Comunicazione

Sr. Rosalba Rota

Eugenio Alborghetti
Angelo Paganessi
Cecilia Morosini
Gianantonio Farinotti
Giuseppe Pasquinelli
Marco Zucchelli

Alida Carsana
Elena Lussana
Evelino Rossoni
Sandra Rossoni

Fausto Duca
Andrea Luzzana
Angelo Pagnoncelli
Evelino Rossoni
Matteo Vitali
Paolo Valoti

 

Liturgia

Parrocchia e Zone

Carità e Caritas

Feste Parrocchiali

Mariantonietta Gusmini
Angelo Pagnoncelli
Belotti Ivana
Leandro Pirovano

 

Claudio Cortesi
Leandro Pirovano
Marco Redolfi
Marco Zucchelli
Riccarda Granata
Sergio Pelliccioli
Sr. Mariarosa

Cecilia Morosini
Alida Carsana
Eugenio Alborghetti
Franco Vavassori
Maria Rizzi
Ivana Belotti
Mariantonietta Gusmini
Mariella Manenti

Attilio Rossoni
Luigi Chiodini
Marzio Pallini
Alberto Pinetti
Matteo Vitali

 

I membri del CPaP assenti o indecisi faranno pervenire al più presto al Segretario le loro preferenze.
Per il coordinamento iniziale di ogni singola Commissione, il segretario sarà la prima persona indicata dall’elenco. E’ lui che deve decidere la data e il luogo del primo appuntamento e informare gli altri membri.
Importante coinvolgere anche altre persone all’interno delle Commissioni esterne al CPaP. A tal proposito verrà inoltrato per e-mail l’elenco dei Candidati non eletti nel CPaP.

 

Don Gino distribuisce al CPaP il “Programma Pastorale della Diocesi di Bergamo” perché venga letto in vista del prossimo CPaP del 29 Novembre nella Sala Mons. Cortinovis.

 

Don Gino comunica che il Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici (CPAE), vista la cura e le competenze con cui ha sempre svolto il lavoro, è stato da lui interamente confermato e ne ricorda la composizione: Rag. Ottavio Assolari; Arch. Antonio Gusmaroli; Geom. Marino Pelliccioli; Geom. Gianmario Fornari; Dott. Angelo Paganessi; Rag. Rossoni Mario; Dott. Guglielmo Vezzoli.


Terminati i punti all’Ordine del Giorno si lascia spazio alla Varie ed Eventuali.

Cecilia Morosini presenta in breve una proposta della Caritas per la Comunità sul tema del Lavoro: ogni Gruppo e Associazione parrocchiale è chiamata a darsi dei tempi per questa riflessione da condividere poi in una tavola rotonda. Indicazioni in merito saranno date nel prossimo CPaP.

Marzio Pallini illustra il lavoro del Consiglio di Zona San Giuseppe:
– si vuole puntare ad un’animazione per i ragazzi in età scolare e sui giovani, soprattutto nei sabato sera, per creare un punto di riferimento forte e di aggregazione per gli abitanti del quartiere.
– partirà lo “Spazio Compiti” in due pomeriggi a settimana
– si vuole curare di più l’animazione della Santa Messa
 

Fausto Duca illustra il lavoro del Consiglio di Zona Serena:
– c’è la volontà di incontrarsi mensilmente per dare “struttura” alla vita di Zona
– si vuole puntare al coinvolgimento dei nuovi residenti e dei giovani
– è emersa la necessità di far conoscere la chiesa e la Vita di Zona di cui molti, soprattutto nuovi, non conoscono l’esistenza

Mariantonietta Gusmini chiede se la Zona Luce continuerà con i Consigli di Zona e propone che i verbali degli incontri del CPaP siano resi noti a tutta la Comunità tramite la “Voce di Seriate” o altri strumenti.

Si presenta al CPaP don Mathieu, referente per gli immigrati di lingua francofona: vive alla Comunità del Paradiso di Bergamo, è operante all’Ufficio Migrazioni Diocesano e presterà servizio anche nella nostra Parrocchia, principalmente nella Zona Risveglio, nell’assistenza ai malati e nell’accoglienza degli stranieri e dei neo parrocchiani.

Cecilia Morosini ricorda che la Caritas sta organizzando la Giornata Diocesana per la Migrazioni in programma per il 15 gennaio.

Ricorda inoltre che il Consiglio Pastorale Vicariale chiede una maggiore rappresentanza da parte delle parrocchie che lo compongono.

Sandra Rossoni viene scelta come nuova membra del Consiglio Pastorale Vicariale per la Parrocchia di Seriate. Si aggiungerà alla veterana Cecilia Morosini.


Alle ore 10.47 la seduta è tolta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *