Una seconda creazione

Dagli scritti di Santa Paola Elisabetta Cerioli:

Le figlie e i figli a voi affidati hanno in voi delle madri… delle amiche… che devono aprire il loro cuore all’amore e alla confidenza… non, però, all’amore puramente naturale che ha solo di vista la prosperità del corpo…

Il vostro amore deve attingere a una sorgente più pura.

Deve avere una meta più alta e più spirituale. Dovete, senza dimenticare il corpo, formare lo spirito delle vostre figlie e dei vostri figli sulle massime del Vangelo. Dovete formare il loro cuore sul modello di quello di Gesù. Si tratta nientemeno di dare alle vostre figlie, direi – se non incorro in errore – una seconda creazione e più eccellente della prima”.

Così si esprimeva Santa Paola Elisabetta alle sue collaboratrici che, con lei, avevano abbracciato la scelta di consacrarsi completamente a Dio per formare il cuore dei ragazzi “sul modello di quello di Gesù”. Missione ardua ai tempi della Madre e forse ancora di più oggi. Se fosse presente in questo periodo storico, chissà come avrebbe guardato i nostri figli e le nostre figlie? Sicuramente con una passione educativa che l’avrebbe portata ad ascoltarli, rassicurarli, accompagnarli con tenerezza, fiducia e pazienza… tanta pazienza, perché il cuore dei ragazzi è semplice e limpido ma, tante volte, è attanagliato da troppe ansie, tante sofferenze mescolate a dubbi, incomprensioni e incapacità di comunicare. Problemi che sono al di sopra della loro possibilità di portare tali fardelli senza trovare spesso, nella famiglia e nel mondo degli adulti in generale, chi sia disposto ad offrire loro non solo orecchie e tempo per ascoltare, ma anche cuore e braccia per accogliere.

“Dare una seconda creazione” non è solo opera umana ma c’è sempre l’intervento di Dio che si serve di uomini e donne per “dare una forma” come al vaso nelle mani del vasaio. “Formare lo spirito sulle massime del Vangelo” è educare alla vita buona del Vangelo con un’azione appassionata e entusiasmante; educare è apprezzare la vita e mostrare la gioia di viverla in pienezza. Educare è relazionarsi con le persone piccole e grandi con la gioia negli occhi per aprire orizzonti nuovi nella libertà di chi si sente accolto e amato. Educare è testimoniare la vita, è testimoniare che Gesù ti può scaldare il cuore.

Dal 19 al 26 gennaio 2014 ci sarà la possibilità di approfondire la vita e la spiritualità di Santa Paola Elisabetta Cerioli.
Tutti gli eventi sono pubblicati sul depliant.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.